`Il consumo di EVOO in Italia è aumentato nel 2020, la produzione è diminuita - Olive Oil Times

Il consumo di EVOO in Italia è aumentato nel 2020, la produzione è diminuita

Febbraio 10, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Extravergine italiano consumo di olio d'oliva è cresciuto di circa il sei percento nel 2020, secondo un rapporto di Associazione Italiana dell'Industria Olearia (Assitolo).

Due terzi degli italiani hanno affermato di credere che l'olio extra vergine di oliva sia un prodotto di alta qualità con un sapore eccezionale, secondo il rapporto. Il sessanta per cento acquista il prodotto perché sa che è salutare.

I consumatori si sono evoluti, cercano un prodotto di qualità, leggono le etichette e sanno cosa cercano. Non si attaccano a un singolo prodotto, ma vagano da un tipo all'altro.- Anna Cane, presidente, Assitol

Il rapporto Assitol ha anche rilevato che il consumatore medio ha acquistato il nove percento in più di olio d'oliva nel 2020 rispetto all'anno precedente, raggiungendo 11.5 litri pro capite.

Secondo il gruppo industriale, questi numeri mostrano la netta differenza tra il modo in cui le generazioni più giovani consumano l'olio extravergine di oliva.

Più specificamente, i consumatori di età inferiore ai 40 anni erano più interessati a conoscere la provenienza degli oli che acquistavano e spesso compravano il loro olio d'oliva da piccoli o medi agricoltori.

pubblicità

I consumatori più anziani tendono a fidarsi di marchi più affermati.

Assitol ha parzialmente attribuito questo cambiamento nel comportamento dei consumatori al crescente apprezzamento per cultura dell'olio d'oliva tra gli italiani.

I principali marchi hanno iniziato a concentrarsi sul mercato extravergine negli anni '1980. Quando la ricerca nel benefici alla salute dell'olio d'oliva ha subito un'accelerazione negli anni '1990, più produttori hanno iniziato a differenziare i loro prodotti.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

"Oggi sugli scaffali troviamo tanti prodotti diversi: 100 per cento italiani, europei, DOP / IGP, biologici, filtrati, non filtrati, sostenibili ”, ha dichiarato Anna Cane, presidente di Assitol.

"I consumatori si sono evoluti; cercano un prodotto di qualità, leggono le etichette e sanno cosa stanno cercando ", ha aggiunto. "Non si attaccano a un singolo prodotto, ma passano da un tipo all'altro ".

Secondo Cane, il crescente interesse per l'olio extravergine di oliva tra i giovani consumatori va ben oltre i confini italiani, citando gli Stati Uniti come esempio di spicco.

"Questa è una buona notizia ", ha detto Cane. "Coloro che iniziano a consumare questo prodotto in giovane età fanno una scelta alimentare sana che ci dà speranza per un futuro luminoso ".

Tuttavia, con la crescita del consumo di olio d'oliva, la produzione italiana non ha seguito la stessa tendenza.

Gli ultimi risultati riportati da Assitol hanno rivelato che il modello di produzione diametrica era destinato a continuare. Il sud del paese ha subito forti cali, mentre le regioni centrali e settentrionali hanno registrato una crescita.

Nel suo raccolto di bilancio finale, Assitol ha affermato che l'Italia ha prodotto 250,000 tonnellate di olio d'oliva nel 2020/21, giù dalle 336,000 tonnellate prodotto nell'anno precedente e leggermente inferiore al stime precedenti.

Puglia, responsabile di quasi la metà del rendimento complessivo dell'Italia, ha subito un calo della produzione del 50%. Situazioni simili sono state osservate in Sicilia e Calabria.

Gli aumenti della produzione in Toscana, Umbria e Marche hanno leggermente compensato le significative diminuzioni nel sud del Paese.

Secondo Assitol, eventi climatici estremi hanno contribuito a diminuire qualità, in particolare per le miscele spesso prodotte dalle più grandi marche composte da oli provenienti da diverse destinazioni su misura per le preferenze di gusto del consumatore.

"Le aziende hanno incontrato maggiori difficoltà nella ricerca e selezione di materie prime di alta qualità, i cui costi di produzione quest'anno sono addirittura superiori a prima ”, ha affermato Andrea Carrassi, direttore generale di Assitol.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti