`Deep Freeze distrugge il 15 percento della raccolta delle olive in El Comtat - Olive Oil Times

Deep Freeze distrugge la percentuale 15 di raccolta delle olive in El Comtat

Gennaio 10, 2011
Charlie Higgins

Notizie recenti

L'industria spagnola dell'olio d'oliva è stata colpita duramente l'ultima settimana di 2010 quando le temperature di congelamento hanno distrutto oltre 3.5 milioni di sterline (1.5 milioni di chili) di olive nel Condado de Cocentaina, conosciuto anche come El Comtat, una delle principali regioni in crescita del paese.

La produzione annuale di olive era già significativamente inferiore al previsto a causa dei danni alle colture durante un inverno particolarmente nevoso l'anno precedente. Tronchi e rami danneggiati dalla neve hanno provocato la perdita di oltre 6.6 milioni di libbre (3 milioni di chili) di olive nel 2010.

Le temperature ghiacciate, alcune misurate fino a 19.4 gradi F, servivano solo a peggiorare le cose per gli olivicoltori della regione. Le aree maggiormente colpite erano quelle della valle del fiume Seta, come i villaggi di Gorga, Balones e Quatretondeta. Anche le aziende olivicole che circondano El Benicadell, la vetta più alta della regione, hanno subito perdite significative.

Quei comuni colpiti dal clima estremo devono ancora ricevere aiuti monetari dal Ministero dell'Agricoltura o da altre agenzie governative, nonostante gli sforzi. Tuttavia l'organizzazione di ricerca privata Proaguas sovvenzionato dal Consiglio provinciale ha pubblicato un dettagliato rapporto sulle perdite.

Tra le varietà di olive interessate, la Blanquette tardiva è stata la più colpita, seguita dalla varietà Manzanella.

Sebbene le olive danneggiate non siano state rese completamente inutili, l'olio di qualità inferiore ottenuto da esse può essere utilizzato solo in oli raffinati. I prezzi internazionali per questi oli inferiori sono irrisori rispetto ai prezzi degli oli extra vergini di alta qualità che i coltivatori cercavano.

Secondo l' Asociación Española de Municipios del Olivo (AEMO) le olive esposte a temperature sotto lo zero per diverse ore subiscono danni ai loro tessuti interni, con conseguente riduzione degli olii in futuro. Olio ottenuto da questi "olive surgelate ”produce un caratteristico retrogusto secco e non può essere venduta come extravergine.

L'anno scorso le olive non sono state l'unico raccolto danneggiato dal maltempo. Anche le industrie spagnole di arance, lattuga, carciofi e zucchine sono state vittime di ondate di freddo da record.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti