` Risultati promettenti per nuovi test per residui di pesticidi nell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Risultati promettenti per nuovi test per i residui di antiparassitari nell'olio di oliva

Dicembre 10, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Quello che sembra essere un modo nuovo, economico e veloce per rilevare i residui di insetticidi nell'olio d'oliva è al centro della ricerca congiunta di scienziati francesi e marocchini.

I residui agrochimici rimangono altamente tossici e compromettono la qualità dell'olio d'oliva

Dicono che i biosensori che hanno sviluppato dimostrino la promessa come un modo più efficiente per rilevare i pesticidi organofosfati comunemente usati sugli ulivi, in particolare malathion, dimethoate e methidathion.

La cromatografia è stata tradizionalmente utilizzata per l'analisi dei pesticidi nei laboratori. È affidabile e preciso, ma richiede anche molto tempo e richiede strumentazione costosa e personale altamente qualificato, affermano i ricercatori in un articolo di ricerca che sarà pubblicato ad aprile sulla rivista Food Control.

Nel frattempo i biosensori - che utilizzano un organismo vivente o molecole biologiche come gli enzimi per rilevare la presenza di sostanze chimiche - sono stati sviluppati per il rilevamento di pesticidi e sono generalmente a basso costo, compatti e di design semplice.

L'anguilla elettrica ha un ruolo

pubblicità

Guidato dal Prof. Thierry Noguer, il team di ricercatori delle Università di Perpignan in Francia e di Ibn Zohr in Marocco sta valutando l'uso di biosensori amperometrici, che possono rilevare i pesticidi attraverso i cambiamenti nella corrente elettrica. In particolare, stanno usando un enzima di anguille elettriche - acetilcolinesterasi (AChE) - che viene intrappolato usando un metodo noto come processo sol-gel.

Nel loro articolo, "Immobilizzazione con sol-gel di acetilcolinesterasi per la determinazione di pesticidi organofosfati in olio di oliva con biosensori ", hanno affermato di aver testato la fattibilità del metodo sulla rilevazione di insetticidi dall'olio extra vergine di oliva arricchito con quantità note delle forme ossidate di malation, dimetato e methidathion.

Avevano controllato che nessun altro insetticida fosse già presente nell'olio d'oliva, che era biologico e acquistato in un supermercato.

L'analisi dei campioni di olio d'oliva a spillo ha raggiunto quasi il 100 percento di recupero degli insetticidi dai campioni a spillo e ha mostrato una buona correlazione con i risultati ottenuti con metodi convenzionali, hanno scritto, concludendo che "era stato sviluppato un biosensore amperometrico economico, veloce e semplice ”.

"I limiti di rilevazione dei dispositivi sviluppati erano molto compatibili con il limite massimo di residui tollerato dalle normative internazionali ”hanno scritto.

Perché il rilevamento è importante

Gli insetticidi, principalmente organofosfati, sono ampiamente utilizzati sugli ulivi per controllare la mosca della frutta, hanno affermato i ricercatori nell'introduzione del documento.

"Queste sostanze chimiche consentono la protezione delle colture degli ulivi, tuttavia i loro residui rilevati nell'olio e nei frutti rappresentano un grave rischio per la salute dei consumatori ".

"Pertanto, sia l'Unione europea che la Commissione del Codex Alimentarius ... hanno stabilito limiti massimi di residui di antiparassitari (LMR) per olive e olio d'oliva. "

In un altro documento, hanno affermato che mentre i prodotti agrochimici migliorano la resa delle olive, "rimangono ancora altamente tossici e compromettono la qualità dell'olio d'oliva. "

"La maggior parte di questi pesticidi è lipofila e può rimanere nell'olio per lunghi periodi di tempo ".

"Il monitoraggio e il rilevamento regolari di questi prodotti chimici sono essenziali per la protezione dei consumatori ", hanno scritto.

Ma Noguer ha detto Olive Oil Times lo scopo del gruppo non era di valutare la qualità degli oli di oliva, ma piuttosto di fornire strumenti per verificarli.

"Tuttavia ... non abbiamo trovato pesticidi in concentrazioni superiori agli LMR nei campioni testati ", ha affermato.

Circa cinquanta centesimi per test

Alla domanda se i biosensori presentassero degli svantaggi, ha affermato che in genere era la loro relativa instabilità, dovuta all'uso di un elemento biologico - un enzima - che rendeva necessari frequenti cambi dell'elettrodo.

"Tuttavia questo svantaggio relativo è bilanciato dal costo molto basso della misurazione ”, ha affermato.

Il costo stimato di un test con un biosensore è di circa € 0.50, fattori che determinano la fabbricazione del biosensore e l'analisi. Ma non sono ancora in vendita.

"È stata creata una start-up per sviluppare alcuni dei nostri biosensori. La principale barriera al loro sviluppo è la mancanza di mercato. L'unico biosensore ampiamente utilizzato è quello per il glucosio, utilizzato da milioni di persone diabetiche. "

Lavoro futuro

Il gruppo sta ora sviluppando biosensori usando nuovi polimeri - invece dell'enzima anguilla AChE - per la rilevazione di altri insetticidi usati sugli ulivi.

"Speriamo che questi dispositivi siano adattati meglio all'ampio utilizzo da parte di utenti finali non qualificati e che alla fine saranno autorizzati come strumenti di controllo dalle autorità di regolamentazione ”, ha affermato Noguer.

Finanziamento

La ricerca rientrava nell'ambito del programma bilaterale Hubert Curien Volubilis (Francia-Marocco) "Associazione biocapteur-matériaux a empreinte moléculaire for the dection of insetticides utilisés on the Olivier ”. È stato cofinanziato dal laboratorio IMMAGINI dell'Università di Perpignan Via Domitia.

Membri del team

Università di Perpignan Via Domitia, Francia (laboratorio IMMAGINI): Thierry Noguer, Professore; Régis Rouillon, Professore, Istituto universitario di tecnologia di Perpignano; Georges Istamboulié, PhD

Università Ibn Zohr, Agadir (Marocco): Ihya Ait-Ichou, professore; Elhabib Ait-Addi, professore

Dottorandi (co-tutelle): Najwa Ben Oujji; Idriss Bakas



Related News

Feedback / suggerimenti