` Le olive sono le prossime nella lotta contro gli OGM? - Olive Oil Times

Le olive sono le prossime nella lotta OGM?

Gennaio 7, 2014
Marcel E. Moran

Notizie recenti

È passato più di un anno, ma gli animi sono ancora alti in California per la questione degli alimenti geneticamente modificati (OGM). Lo scorso novembre, gli elettori nello stato erano data una possibilità decidere se le aziende debbano essere costrette a etichettare i prodotti che vendono che contengono ingredienti geneticamente modificati. I primi numeri dei sondaggi indicavano che la maggior parte dei californiani appoggiava l'etichettatura degli OGM obbligatoria, ma una campagna ben finanziata in opposizione alla legge ha fatto passi da gigante e il disegno di legge ha perso di poco, dal 51 al 49%. A livello nazionale, questa domanda elettorale fa luce per la prima volta per molti sugli OGM e solleva la domanda: le olive e l'olio d'oliva sono stati coinvolti negli sforzi di modificazione genetica?
Il caso più importante di modificazione genetica nell'olivo si è verificato in Italia, ed è iniziato nel 1982. I ricercatori dell'Università della Tuscia, a circa un'ora a nord di Roma, hanno cercato nuovi ceppi di ulivo in grado di resistere alle infezioni fungine e batteriche, richiedendo meno pesticidi per rimanere in salute. Prima che venissero segnalati i risultati della ricerca, questo progetto si è interrotto bruscamente nell'estate del 2012 quando, sotto la pressione delle organizzazioni anti-OGM, l'università è stata ordinata dal governo italiano di distruggere gli alberi per ottemperare a una legge del 2002 che vietava tutta la ricerca sul campo sulle piante geneticamente modificate. 

Non esiste un tale divieto negli Stati Uniti, ma sembra che finora l'oliva sia sfuggita all'attenzione degli scienziati vegetali americani che hanno modificato le verdure che vanno dal pomodoro alla soia al mais. Secondo Liliana Scarafia, ricercatrice principale presso AgBiolab, un laboratorio agricolo indipendente che esegue analisi dell'olio d'oliva a Durham, in California, finora c'è stata poca ingegneria genetica nell'olivo. "Non c'è lavoro negli OGM sulle olive. ”Ha detto. "Non vedo l'interesse e non vedo i benefici. " Patricia Darragh, il direttore esecutivo del California Olive Oil Council ha ribadito, "per quanto ne sappiamo non esiste olio d'oliva OGM prodotto nello Stato della California ".

Naturalmente, gli ulivi vengono selezionati dai coltivatori per qualità specifiche che si sviluppano naturalmente nel tempo, come i ceppi di alberi che possono crescere in una maggiore densità in una data quantità di spazio e la facilità con cui le olive possono essere raccolte da una macchina. Parte del motivo per cui le olive potrebbero aver evitato la bioingegneria è che non vengono coltivate su scala industriale come lo sono altre piante produttrici di petrolio. "C'è una grande diversità di cultivar, ricchezza di germoplasma e potrebbe non esserci una spinta per l'agricoltura commerciale o l'agricoltura monocultivar ”, ha aggiunto Scarafia.

Questo non vuol dire che le aziende agricole e i produttori di olio d'oliva statunitensi siano rimasti fuori dalla conversazione sugli OGM. California Olive Ranch, i maggiori produttori di olio extra vergine di oliva nel paese, hanno svolto un ruolo attivo nel sostenere la proposta legislazione sull'etichettatura degli OGM, approvando il "Sì On 37 "coalizione che era a favore dell'etichettatura e di fare una donazione al gruppo di difesa che ha portato alla domanda di voto del novembre 2012. Mike Forbes, il direttore delle vendite e del marketing del California Olive Ranch, ha spiegato perché la sua azienda era così fortemente interessata agli OGM. "Se pensi al nostro marchio, si tratta di trasparenza, abbiamo una data di raccolta proprio sul retro della nostra bottiglia e siamo fermamente convinti che dovresti sapere cosa c'è nel cibo che acquisti ".

Ironia della sorte, alcuni nel settore ritengono che una maggiore trasparenza e consapevolezza degli alimenti geneticamente modificati sarà un vantaggio per il business dell'olio d'oliva. La logica dice che quando i consumatori iniziano a rendersi conto che molti degli oli vegetali e da cucina che usano contengono ingredienti geneticamente modificati (come l'olio di soia o di cotone), cercheranno alternative non OGM, principalmente olio d'oliva. Questi oli vegetali non di oliva possono anche essere il modo in cui i prodotti OGM si fanno strada in qualsiasi lotto di olio d'oliva; poiché l'olio d'oliva a volte è mescolato con altri oli, quegli ingredienti extra possono essere recuperati da una coltura geneticamente modificata.

L'oliva stessa non è l'unico obiettivo di modificazione genetica nel settore. Nel settembre dello scorso anno, Olive Oil Times segnalati che gli scienziati europei stanno iniziando le sperimentazioni di mosche dell'olivo geneticamente modificate, guidate dalla società Oxitec, nella speranza che possano progettare una specie che possa ridurre sistematicamente la popolazione di mosche e i suoi effetti sulla produzione di olive. Resta da vedere se queste mosche riusciranno a ridurre gli effetti deleteri dell'industria olivicola nel prossimo futuro, ma è molto probabile che rimanga il sito primario della bioingegneria per quanto riguarda le olive. Per adesso.



Related News

Feedback / suggerimenti