`L'olio di oliva siciliano chiede la certificazione IGP - Olive Oil Times

L'olio di oliva siciliano richiede la certificazione IGP

Può. 20, 2013
Michael Angelopoulos

Notizie recenti

Nove organizzazioni regionali che rappresentano produttori, aziende di frangitura, raffinatori e imbottigliatori, stanno unendo le forze in Sicilia per sostenere una domanda agli organi competenti dell'Unione Europea, al fine di ricevere una certificazione IGP per l'olio d'oliva siciliano.

I partner sostenitori dell'iniziativa sono: i produttori Cia, Coldiretti e Confagricoltura; le cooperative Agci, Legacoop e Confooperative; i frantoi Aifo e Asfo; e l'imbottigliatore Federolio.

Maurizio Lunetta, presidente della cooperativa Aipolivo, è stato nominato all'unanimità presidente della neonata associazione finalizzata alla tutela dell'olio d'oliva siciliano.

Insieme al Sig. Lunetta il consiglio è composto da Francesca Barbato di Coldiretti, Giuseppe Oro di Confcooperative, Giuseppe Giordano di Confagricoltura, Angelo Sillitti di Agci, Calogero Girgenti di Legacoop, Piero Pipitone di Asfo, Mario Russo di Aifo e Manfredi Barbera di Federolio .

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

È stato formato un comitato per lavorare esclusivamente e preparare tutti i documenti richiesti che verranno utilizzati a supporto della domanda dell'isola per il riconoscimento IGP.

Le certificazioni di Regione Geografica Protetta (IGP) e Denominazione di Origine Protetta (DOP) coprono tutti i prodotti alimentari. Vengono assegnati per riflettere sui prodotti etichettati il ​​carattere di una specifica regione locale o un know-how unico.

"L'idea di un olio extravergine di oliva IGP della Sicilia ha trovato subito una grande accettazione nel settore dell'olio d'oliva ”, ha affermato Maurizio Lunetta. "La certificazione IGP è uno strumento che, se utilizzato efficacemente, aumenterà il valore aggiunto dell'olio di oliva siciliano. Aiuterà l'industria locale a lavorare con un profitto sostenibile quando molto spesso non è così ", ha detto.

L'iniziativa è incoraggiata dal Dipartimento Regionale dell'Agricoltura.

La Sicilia è il terzo maggior produttore di olio d'oliva in Italia con una produzione di circa 3 milioni di tonnellate di frutta d'oliva e 50,000 tonnellate di olio d'oliva. Questa produzione si traduce in 220 milioni di euro di ricavi per l'industria e 500 milioni di euro per il mercato correlato. L'olivicoltura siciliana è essenzialmente biologica con circa 16,000 ettari di olivi coltivati ​​secondo metodi di produzione tradizionali.

Più di 40 prodotti di olio d'oliva provenienti dall'Italia hanno ottenuto le certificazioni DOP o IGP, già nel 1996, quando furono pubblicate le prime registrazioni. I produttori italiani sono stati tra i primi a capitalizzare su tale differenziazione di prodotto e questo si riflette nelle vendite e nella quota di mercato a livello mondiale.

L'esame di una domanda richiede però molto tempo. Sono ancora in fase di elaborazione due domande italiane di Terra d'Otranto presentate il 1 marzo 2011 e dell'Umbria presentate il 17 ottobre 2011.

I primi oli d'oliva italiani a ricevere la certificazione DOP su 2, 1996 di luglio sono stati Canino, Sabina, Brisighella e Aprutino Pescarese.

Related News

Feedback / suggerimenti