` Tra le vittime di Aleppo, un antico sapone all'olio d'oliva - Olive Oil Times

Tra le vittime di Aleppo, un antico sapone all'olio d'oliva

Novembre 26, 2014
Aldo Pesce

Notizie recenti

Produttori di sapone ad Aleppo, Siria

82 percento di olio d'oliva, 12 percento di olio di alloro e soda. Ci sono solo tre ingredienti nel sapone più antico del mondo: il sapone di Aleppo. Il prodotto è lo stesso da secoli oltre le mura della storica cittadella di Aleppo, nel nord della Siria.

Essendo tutto naturale senza sintetici o altri additivi, il sapone di Aleppo è ottenuto da olio d'oliva locale ed è rinomato per i suoi effetti benefici sulla pelle. Il sapone idrata e si adatta a tutti i tipi di pelle, da quella secca a quella delicata perché regola la produzione di sebo. Viene anche usato per la cura dei capelli.

I produttori di sapone siriani di Aleppo erano soliti guadagnarsi da vivere grazie alle vendite locali e, più recentemente, ai mercati internazionali. Negli ultimi 30 anni circa, negli Stati Uniti, in Europa e in Giappone molti consumatori hanno iniziato a conoscere e cercare questo piccolo bar verde con un timbro arabo e un odore magico. Ma in realtà le prime esportazioni di questo sapone sono state secoli fa da crociati, provenienti dalla città della Siria settentrionale.

È passato molto tempo, ma questa terra rimane ancora un campo di battaglia. I disordini tra i ribelli e le forze di Assad hanno portato alla quasi completa distruzione della città. Il 2012, infatti, potrebbe essere considerato l'ultimo anno di produzione dell'oro verde di Aleppo.

I produttori di sapone sono fuggiti dalla città. Lasciarono le loro officine e le loro case ad Aleppo quando non riuscirono a trovare facilmente l'olio di alloro nei villaggi che circondavano la città e mentre si spaventavano per la sicurezza delle loro famiglie.

Ora sono all'estero, in Libano, nel Regno Unito, continuano a produrre e commercializzare "sapone di alloro ”lontano dal luogo dove è nata la tradizione. Gli standard di qualità restano alti perché il know-how è ancora presente, ma nessuno può dire: "Questo è un sapone di Aleppo. "

Pochi giorni fa le agenzie di stampa hanno riferito che il leader del Free Syrian Army ha lasciato la città e che i suoi 14,000 uomini sono stati diretti in Turchia. Oggi Aleppo e l'area circostante sono sotto il controllo delle milizie radicali. Il ritorno dei saponieri e delle loro famiglie non avverrà presto.

Minacciato dai concorrenti prodotti in serie, e ora dai radicali, il futuro di Aleppo soap sembra incerto.


Related News

Feedback / suggerimenti