`La recensione del libro "Extra Virginity" ha molte battute, ma manca il punto - Olive Oil Times

La recensione del libro "Extra Virginity" ha molte battute, ma manca il punto

Dicembre 13, 2011
Curtis Cord

Notizie recenti

A recensione del libro di Tom Mueller by New York Times lo scrittore Dwight Garner inizia facendo una caricatura di una delle persone che Mueller profila: "C'è un momento divertente in cui un esperto di olio d'oliva solleva una bottiglia coperta di affermazioni dubbie: '100 per cento italiano " 'spremuto a freddo,' 'extra vergine.' ”

Garner continua: "L'uomo scuote la testa e dice, forse con un accenno di Don Rickles nella voce, 'Extra vergine? Cosa c'entra questo olio con la verginità? Questa è una puttana. "

L'uomo, Flavio Zaramella, è un uomo d'affari milanese malato terminale ed esperto assaggiatore di olio d'oliva che, tra gli altri profilati nel libro, sta lavorando per far luce sulle pratiche corrotte nell'industria dell'olio d'oliva.

Il salto verso il comico americano Don Rickles è lontano, ma è uno dei tanti nel Book Review da Garner, che sembra più preoccupato di mettere insieme una serie di battute, piuttosto che considerare il serio argomento della frode alimentare.

Le lunghezze che Garner fa per trovare le sue pugnalate sono sorprendenti, inclusa una valutazione critica della descrizione del lembo di polvere della casa dell'autore. Mueller vive davvero in una fattoria in pietra medievale circondata da uliveti nella campagna ligure fuori Genova - (non un moderno coloniale del diciannovesimo secolo a Frenchtown, nel New Jersey). Ma Garner chiama il dettaglio della giacca "l'equivalente in prosa della pelle corinzia. "

Da questo libro estremamente interessante, Garner coglie tre parole qui, quattro parole lì, per costruire un'altra battuta: "Un uomo qui ha un 'un pizzico di meraviglia nella sua voce. Un altro 'rise, acuto e allegramente. Una donna ha 'occhi a mandorla che sembrano guardare dritto nella tua anima. " Questa stessa donna ha 'un luccichio negli occhi.

Garner scatta, "è come se stessimo leggendo degli elfi ”.

Non mi sono mai sentito così, perché ho letto quelle parole nel contesto dei ricchi ritratti di persone affascinanti che Mueller ha visitato in tutto il mondo, invece di tirare fuori qualche frammento per una goffa recensione di un libro.

Quando Garner si interessa a ciò che è realmente in gioco, è con un tono di sarcasmo sminuito. "La notizia che il signor Mueller porta sull'olio extra vergine di oliva - EVOO, come piace a Rachael Ray definirlo - è allarmante ", scrive Garner (per qualche motivo includendo nella frase un collegamento ipertestuale a un oscuro negozio web che vende cesti regalo ma non offre indizio sull'identità del suo proprietario o da dove viene gestito - non diversamente dall'anonimato degli oli d'oliva adulterati). E, naturalmente, Garner sa se vuoi davvero dire che qualcosa lo è allarmante, non gli permetti di condividere una frase con Rachel Ray.

Poi c'è questo: "La Food and Drug Administration considera questa adulterazione una priorità bassa. L'olio d'oliva Grody non uccide nessuno. Stiamo parlando di un problema del primo mondo qui. Caveat emptor. " Notare l'assenza di due punti o virgole che aiuterebbero ad attribuire ciascuno di questi sentimenti alla FDA. Garner ha convenientemente omesso i due punti in modo da non sapere da dove proviene il downplay: la FDA o lo stesso Garner.

Ma avvertimento non ha aiutato le 800 persone che sono morte e 20,000 ricoverate in ospedale per adulterazione dell'olio d'oliva a Madrid nel 1981 (e da allora non è cambiato molto). La frode dell'olio d'oliva è un grave problema di salute globale e la sua pratica in corso mette in pericolo la stabilità economica e culturale delle regioni produttrici di olio d'oliva in tutto il mondo - pericoli che solo ora stanno arrivando in primo piano, grazie in gran parte a Tom Mueller.

Garner salva il meglio per ultimo, mentre mette da parte migliaia di anni di storia, cultura, corruzione e la dedizione dei produttori che producono uno degli alimenti più sani del mondo: "Dove c'è un fiasco di olio d'oliva, preghi anche di trovare dell'aceto ". Destra. Esattamente i miei sentimenti, signor Garner.

Sarebbe un peccato se la recensione di Garner, chiaramente costruita per essere divertente invece di uno sguardo serio sugli argomenti importanti che Mueller porta alla luce, impedisse alle persone di leggere questo libro essenziale.

Recensione del libro: coltivatori, chimici, cuochi e truffatori dell'olio d'oliva di Dwight Garner

Related News

Feedback / suggerimenti