`Le acque torbide dell'agricoltura greca e la via d'uscita - Olive Oil Times

Le acque oscure dell'agricoltura greca e la via d'uscita

Gennaio 12, 2013
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti


Man mano che i greci urbani tornano alle loro radici rurali, molti di questi nuovi agricoltori si ritrovano persi nei loro sforzi per rispondere alla sfida. (Foto: Simon aka Flyblog)

Ritorno al villaggio

Per secoli, la gente in Grecia ha fatto affidamento pesantemente sulla terra per ottenere beni essenziali per la propria sopravvivenza, come il grano che dava farina, patate, olive, verdure e frutta. Durante le grandi ondate urbane degli 1950 e degli 60, le grandi città furono inondate di nuovi arrivati ​​e la campagna fu abbandonata. A parte il terribile sviluppo e l'espansione che questo ha portato alle città, l'urbanistica è ora considerata un fattore inibente per lo sviluppo, poiché il suo risultato netto è stato il sovraffollamento e la disoccupazione nelle aree urbane e le terre agricole inutilizzate nelle aree rurali.

Questo progresso irregolare ora richiede un prezzo da pagare: la crisi finanziaria, che è qui per restare, ha costretto molti abitanti delle città per tornare nei loro villaggi e fattorie e ricominciare a coltivare la terra di famiglia. Ma senza la continuità nella cura della terra e senza il trasferimento di conoscenze perché non c'è nessuno che trasmetta loro il know-how, i nuovi agricoltori spesso si ritrovano persi nel loro sforzo di rispondere alla sfida. I programmi didattici sono offerti dallo stato per insegnare loro il lavoro, ma nulla può compensare una tale lacuna di conoscenza pratica.

In particolare nel settore dell'olio d'oliva, dove oltre la metà dei nuovi agricoltori è occupata, ci sono ancora più problemi: la siccità ha causato una riduzione della resa in olio d'oliva in molti luoghi, le recenti grandinate nei territori meridionali hanno deteriorato la situazione colpendo duramente alberi e drupe, grandi quantità di olio d'oliva fresco vengono rubate ovunque, gli ulivi vengono abbattuti diventare legna da ardere poiché il petrolio è molto costoso, i prezzi dell'olio d'oliva sono oscillati su e giù e le classiche inefficacia dello stato per promuovere il bene (e quella dei produttori per formare coalizioni) sono note.

Il fattore psicologico

Questi fenomeni erano sempre presenti, ma ora sono più frequenti, più discussi e molto più importanti; il furto di 400 chili di petrolio da una fattoria in Tessaglia il mese scorso può ora essere catastrofico per l'agricoltore, e la povertà spinge potenziali ladri a prendere di tutto, dal petrolio ai macchinari e al bestiame.

In situazioni difficili, la psicologia gioca un ruolo critico ed è importante una profonda apprensione della situazione. Il panico, che viene costantemente riprodotto e amplificato dai media, è un partner indesiderato che impedisce alle persone di capire che non tutti gli altri sono ladri e non tutti saranno derubati.

I giovani agricoltori devono essere in grado di comprendere che, nonostante le violazioni e il tempo sfavorevole, la comunità ha forti legami che non possono essere facilmente rotti. La terra può essere la soluzione per molti e le cose inizieranno a migliorare se si impegnano abbastanza. Le opportunità vanno e vengono in mezzo alla crisi e devono afferrarne una o due. Il tempo sarà di nuovo loro alleato, e sono richieste pazienza e perseveranza.

La luce alla fine del tunnel

Ovviamente non tutto è oscuro e regressivo. La mancanza di conoscenza della terra può essere in qualche modo compensata da agricoltori ambiziosi che cercano costantemente nuove tecniche agricole, che utilizzano le moderne tecnologie per realizzare i migliori prodotti, che contattano i mercati e i potenziali clienti via web e pubblicizzano i loro prodotti su Internet .

Più irrequieto e fantasioso sei, più prospera sarà la tua attività. Ci sono molti casi di persone che sono tornate al villaggio che sono riuscite a distinguersi dalla folla e impressionare il pubblico: allevamento di lumache, olio d'oliva biologico la produzione, le colture idroponiche, la tartufaia, sono tutti casi di attività piuttosto insolite ma ultimamente redditizie. L'esempio migliore è quello di un uomo che viene pagato bene per vagare per le montagne intorno al suo villaggio e raccogliere verdure commestibili selvatiche, che vengono poi inviate a ristoranti alla moda ad Atene (le verdure bollite sono un piatto comune in Grecia).

Inoltre, lo Stato ha individuato il problema e ha iniziato ad affittare terreni a giovani agricoltori per un simbolico costo annuale di 20 euro per acro. Anche la Chiesa di Grecia sta valutando la possibilità di cedere le sue proprietà agli agricoltori, in un gesto di buona volontà ma anche di sostanziale sostegno. Il denaro ricomincia a fluire lentamente e, secondo i funzionari statali, le PMI (Piccole e medie imprese), spina dorsale dell'economia, avranno la possibilità di essere finanziate da un deposito di circa 500 milioni di euro.

Alla fine, tutto si riduce al fatto che se i nuovi agricoltori sono abbastanza competenti e in grado di mantenere un atteggiamento positivo di fronte agli ostacoli nati dalla crisi, questi nuovi amanti della terra avranno successo.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti