La più antica bottiglia nota di olio d'oliva in mostra nel Museo di Napoli

La bottiglia quasi 2,000 di un anno riempita con olio d'oliva solidificato sarà esposta al Museo Archeologico Nazionale.

Raffaele Sacchi
Ottobre 22, 2018
Di Ylenia Granitto
Raffaele Sacchi

Notizie recenti

Probabilmente la più antica bottiglia di olio d'oliva conosciuta al mondo sarà presto esposta al Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN), dove è stato presentato di recente durante una conferenza stampa tenuta dal direttore del museo, Paolo Giulierini, e dal paleontologo e conduttore televisivo, Alberto Angela.

Abbiamo una bottiglia di vetro molto meglio conservata contenente un'abbondante quantità di materiale, che ha immediatamente dimostrato che si tratta di un olio commestibile.- Raffaele Sacchi, Università di Napoli

Il delicato contenitore di vetro ben conservato, quasi pieno di quello che è quasi sicuramente olio d'oliva solidificato, proviene da una delle antiche città romane (molto probabilmente da Ercolano), che furono distrutte dal eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.

L'equipaggio di Angela stava lavorando allo spettacolo popolare 'Stasera a Pompei, 'trasmesso sulla rete nazionale italiana RAI1, quando hanno notato la bottiglia nei magazzini di MANN. Quindi, la reliquia è stata portata all'attenzione degli esperti del Dipartimento di Scienze Agrarie (DIA) dell'Università di Napoli 'Federico II ", che stava lavorando a una linea di ricerca sul cibo antico, attraverso un accordo con il Museo.

"La bottiglia è stata conservata nei magazzini del museo e talvolta esposta in pubblico durante eventi speciali ", ha detto Gaetano Di Pasquale, del Laboratory of Vegetation History and Wood Anatomy of DIA Olive Oil Times. "Tuttavia, considerato il grande interesse che ha suscitato grazie al suo eccezionale stato di conservazione, abbiamo deciso di condurre ulteriori ricerche e di esporlo al pubblico in una mostra di tre mesi al MANN, che aprirà il 31 ottobre ", ha rivelato il ricercatore , che si occuperà dello spettacolo con Alessia D'Auria per conto di DIA.

Ha spiegato che ci sono diverse casse e brocche antiche contenenti tracce di sostanze organiche che sono state descritte come oli di oliva, ma i dati relativi alle analisi eseguite negli ultimi secoli non possono più essere trovati.

pubblicità

"Gli scavi di Pompei ed Ercolano iniziarono a metà del 1700, quindi nei magazzini del museo c'è un sacco di materiale scoperto negli ultimi secoli e una parte della documentazione relativa a questi reperti è ancora poco chiara ", ha sottolineato. "Questo è il motivo per cui MANN ha stretto un accordo con DIA, al fine di riesaminare e ri-catalogare tutti i risultati alimentari con i metodi disponibili oggi, e la nostra bottiglia di olio d'oliva è diventata parte di questa linea di ricerca ".

A questo punto, sarebbe interessante capire dove è stato conservato, al fine di ottenere maggiori informazioni sul contesto e, quindi, sull'uso dell'olio d'oliva in quel momento. Sappiamo che originariamente era usato come combustibile per l'illuminazione e come cosmetico, e ha iniziato ad essere usato come alimento piuttosto tardi.

Raffaele Sacchi

Il materiale organico contenuto nella bottiglia sotto forma di "glomeruli bianco-giallastri, brunastri e nerastri con consistenza cerosa ", è stato quindi sottoposto a indagini chimico-analitiche tra cui, tra gli altri, spettroscopia di risonanza magnetica nucleare carbonio-13 e protone, gascromatografia con colonne capillari di acidi grassi e carbonio-14 incontri.

"Vorrei dire in anticipo che, già negli anni '1990, ho studiato l'olio d'oliva contenuto in una piccola ampolla proveniente dagli scavi di Pompei ”, ha rivelato Raffaele Sacchi, professore di industrie agroalimentari e ingredienti e prodotti dietetici mediterranei, e presidente della divisione di Scienze e tecnologie alimentari presso la DIA, che sta conducendo l'analisi.

"Era la tipica fiala di vetro che doveva contenere un unguento profumato, un cosmetico. Anche allora, i test hanno rivelato che all'interno c'era un olio vegetale, quasi certamente estratto dalle olive ”, ha precisato. "In questo caso, tuttavia, abbiamo una bottiglia di vetro molto meglio conservata contenente un'abbondante quantità di materiale, che ha immediatamente dimostrato che si tratta di un olio commestibile, e questo è stato confermato dalla forma della bottiglia progettata come moderna 'oliera ", vale a dire un distributore di olio d'oliva".

Un'analisi ci ha fornito indicazioni più specifiche per quanto riguarda l'identificazione del tipo di olio contenuto: rapporto acido palmitico-stearico, presenza di acido oleico e rapporto tra acidi grassi a catena lunga univocamente abbinati composizione di olio d'oliva, ha affermato Sacchi.

Quindi, secondo i dati analitici riportati dal nostro esperto, questo può essere considerato il contenitore più antico con la più grande quantità di olio d'oliva mai studiato (e sopravvissuto a un'eruzione), che è una scoperta significativa rispetto ai manufatti più comuni come i resti di vasi e anfore contenente pochissime tracce di olio d'oliva.

I ricercatori stanno ora eseguendo la datazione al Carbon-14 per assicurarsi che la bottiglia non sia una ricostruzione del periodo borbonico (1700) quando il sito archeologico è stato scavato per la prima volta. "Tuttavia, credo che questo sia inverosimile, e quasi sicuramente la scoperta risale al periodo dell'eruzione, perché il profilo del contenuto è molto simile a quello che ho analizzato trent'anni fa ”, osservò Sacchi, specificando che una porzione presa dalla superficie della materia solidificata è stata studiata, e quindi effettueranno un campionamento capillare di una porzione più interna, che è meglio conservata.

Eseguiranno altri test, come un'analisi degli steroli mediante spettrometria di massa per confermare l'origine botanica dell'olio.

"È interessante notare questo si verificano cambiamenti negli acidi grassi a temperature elevate e abbiamo scoperto acidi grassi trans che si formano solo riscaldando l'olio ”, ha osservato l'esperto.

"Ciò potrebbe dimostrare che l'olio d'oliva è stato sostanzialmente cotto alla temperatura della nuvola vulcanica, che ha causato un'ossidazione termica, mentre il vetro ha resistito perché probabilmente la bottiglia era aperta, quindi non c'era pressione e non è esplosa. " Il tappo è infatti del periodo borbonico come si può vedere dalla forma, o comunque non è contemporaneo alla bottiglia.

"Al momento, questa è un'ipotesi, ma i componenti trovati potrebbero aprire la strada alla conferma e alla verifica dell'effetto dell'eruzione ”, ha concluso Sacchi.





Related News