`Nel Memorandum del Consiglio "Olive", "Unease" sugli standard australiani

classi

Nel Memorandum del Consiglio "Olive", "Unease" sugli standard australiani

Settembre 30, 2011
Curtis Cord

Notizie recenti

Torna a gennaio quando Australia e Nuova Zelanda hanno proposto nuovi standard per l'olio d'oliva che si discostava da quelli stabiliti dal Consiglio oleicolo internazionale, il CIO ha rilasciato una dichiarazione in cui definisce la misura possibile "barriera agli scambi ”raccomandando nel contempo una riconsiderazione della mossa.

La dichiarazione, intitolata "Commenti CIO sul progetto di oli di oliva australiani / neozelandesi standard e oli di sansa di oliva", Ha esposto circa una ventina "discrepanze "che includevano definizioni, categorie di olio d'oliva e metodi di prova nelle linee guida proposte che differivano o non esistevano nelle norme IOC. "Sarebbe opportuno ", ha detto il CIO, "per il riesame del progetto di norma australiano / neozelandese. "

Quindi il mese scorso, quando il nuovo le norme volontarie sono state adottate dagli Standard Australia (La Nuova Zelanda ha deciso di non aderire) gli occhi rivolti al CIO per quello che avrebbe dovuto essere un forte rimprovero.

Quel rimprovero è arrivato. In una copia di un memorandum formale ottenuto da Olive Oil Times e inviato dalla Segreteria Esecutiva del Consiglio la scorsa settimana agli Standard Australia, al Codex Alimentarius e ai ministeri dell'agricoltura e degli affari esteri dell'Australia, il CIO ha definito quello che vede come uno sviluppo preoccupante.

Sebbene l'Australia non sia membro dell'organizzazione intergovernativa, prende comunque parte alle attività del CIO e viene mantenuta "informato permanentemente sul suo lavoro ", inizia il memorandum.

Chiamare lo sviluppo di definizioni e caratteristiche analitiche incluse nelle norme commerciali "uno dei compiti normativi più significativi ”del CIO, il documento procede a delineare gli sforzi intrapresi dall'organizzazione sanzionata delle Nazioni Unite nell'ambito di tale mandato.
Guarda anche: Memorandum IOC
Una di queste iniziative è l'incontro annuale del gruppo IOC di chimici esperti di tutto il mondo, tra cui l'Australia, per esaminare e migliorare i metodi di prova (quell'incontro si terrà la prossima settimana a Madrid e uno degli argomenti di discussione sarà l'australiano standard, secondo un partecipante che abbia familiarità con l'agenda). Vengono apportate modifiche agli standard internazionali, spiega il CIO nel "alla luce dei progressi scientifici "e con ampio consenso per migliorare la qualità dell'olio d'oliva e "assicurare la trasparenza nei mercati internazionali ".

pubblicità

In collaborazione con organizzazioni internazionali tra cui il Codex Alimentarius, l'Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO) e l'Organizzazione mondiale del commercio, il CIO ha realizzato "enormi sforzi "per raggiungere l'armonizzazione con tali organismi verso la tutela della salute dei consumatori e un commercio equo. In questo spirito, spiega la lettera del CIO, ha anche collaborato con le associazioni australiane per attuare un programma di controllo della qualità "eseguire il controllo di qualità del prodotto presso laboratori riconosciuti utilizzando metodi aggiornati. "

Tali metodi non avrebbero incluso la misurazione di pirofeofitine o digliceridi - due limiti determinati nelle nuove linee guida australiane e identificati nel memorandum IOC come importanti discostamenti dallo standard internazionale stabilito. Secondo la American Oil Chemists 'Society, il test per le pirofeofitine aiuta a rilevare oli di oliva trattati termicamente e stimare l'età dell'olio, mentre i digliceridi 1,2 sono una caratteristica dell'olio di oliva fresco.

Il CIO sostiene inoltre che i limiti più elevati dello standard australiano del campesterolo, che possono indicare la presenza di oli di semi, potrebbero comportare una maggiore adulterazione dell'olio di oliva sul mercato se altre restrizioni non fossero adeguate di conseguenza. E le nuove linee guida per la designazione dei prodotti in Australia che, ad esempio, non consentono classificazioni come "puro "e "luce ", confonderà i consumatori e ostacolerà il commercio.

Il CIO nota verbale, o comunicazione diplomatica, si chiude invitando le varie organizzazioni a fermarsi "pratiche commerciali sleali o potenziali barriere commerciali, per ottenere scambi più trasparenti, combattere le frodi e proteggere i consumatori attraverso l'armonizzazione e il rispetto delle norme internazionali ".

Related News