` Esca all'olio d'oliva - Olive Oil Times

Decoy di olio d'oliva

Giu. 9, 2012
Olivarama

Notizie recenti

Gli oli d'oliva sono diventati un'importante esca commerciale per l'industria alimentare?

Fortunatamente, in questo momento nessuno mette in dubbio i numerosi benefici per la salute dell'olio d'oliva, e dell'olio extravergine d'oliva in particolare. In linea con questa realtà, da alcuni anni l'industria alimentare sta investendo fortemente nell'inserimento di questo prodotto nel proprio repertorio. In tal modo, mira a soddisfare le richieste dei suoi consumatori nel loro complesso, che richiedono sempre più prodotti alimentari più sani.

La prova di ciò risiede nelle etichette che sono sempre più comuni nei supermercati in cui questo ingrediente viene esplicitamente menzionato, sotto forma di immagini o rappresentazioni grafiche di olive, ampolle di olio o qualsiasi altro motivo che ricorda il succo di olive.

In questo senso, per evitare qualsiasi confusione tra i consumatori, l'etichettatura di tutti i prodotti che includono oli d'oliva è attualmente regolamentata dal Regolamento di esecuzione (UE) n. 29/2012 della Commissione. Questo testo prevede che, quando un'azienda evidenzia l'utilizzo di oli di oliva, al di fuori dell'elenco degli ingredienti, a questo dato deve essere affiancata la percentuale utilizzata rispetto al peso netto totale del prodotto alimentare in questione. Se lo preferisce, l'azienda può sostituire questa informazione con la percentuale di olio d'oliva aggiunto rispetto al peso totale del contenuto di grassi, che deve essere indicato sotto: "percentuale di grassi ”.

Il presente regolamento si applica a tutti i prodotti alimentari che includono olio d'oliva, con due eccezioni: conserve di tonno e sardine. Nel primo caso, il regolamento (CE) n. 1536/92 del Consiglio stabilisce che l'olio d'oliva può essere evidenziato sull'etichetta solo se è l'unico tipo di grasso utilizzato. Cioè, potrebbe non essere mai stato miscelato con nessun altro tipo di grasso commestibile. Lo stesso vale per le conserve di sardine che, nel loro caso, sono regolate dal regolamento (CE) n. 2136/89 del Consiglio.

Cosa differenzia gli oli di oliva vergini dalle vergini extra?

Il regolamento di esecuzione (UE) n. 29/2012 della Commissione definisce extra vergine come a "olio di oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e solo mediante procedimenti meccanici ”. Da parte sua, questo stesso documento fa riferimento all'olio d'oliva vergine "ottenuto direttamente dalle olive e solo mediante procedimenti meccanici ”.

Se guardiamo da vicino, vediamo che tra una descrizione e l'altra, c'è solo una piccola differenza. Nel primo caso, l'extra vergine è definito come "categoria superiore ”, una qualità che in realtà è l'unica cosa che lo differenzia dagli oli vergini di oliva.

È chiaro che entrambi sono succhi spremuti direttamente dalle olive, ma questo non spiega quali limiti vengono applicati per determinare le categorie corrispondenti. La differenziazione, in questo caso, è determinata da un'analisi chimica e una sensoriale.

In questo senso l'analisi chimica serve a stabilire l'acidità libera nell'olio. Nel suo regolamento (CE) n. 1513/2001 del Consiglio, l'Unione Europea stabilisce che gli oli extravergine di oliva possono avere un'acidità libera massima di 0.8 g per 100 g, mentre le vergini possono raggiungere i 2 g per 100 g. Secondo questo criterio, tutti gli oli che superano gli 0.8 gr sono conosciuti semplicemente come oli vergini.

Tuttavia, un indice di acidità basso non indica automaticamente che gli oli siano sempre extravergine. Ai sensi del Regolamento del Consiglio (CE) nº 640/2008, per determinarne la classificazione devono essere sottoposti ad un'analisi sensoriale per verificare l'assenza di difetti e la presenza dell'attributo fruttato. Saranno considerati oli vergini quegli oli in cui vengono rilevati difetti sensoriali appena percettibili e quelli in cui l'attributo fruttato è praticamente assente.

Gli articoli di Olivarama compaiono anche sulla rivista Olivarama e non sono curati do olive oil Times.

Related News

Feedback / suggerimenti