`In aumento: degustazioni di olio d'oliva nel Regno Unito - Olive Oil Times

On the Rise: Olive Oil Tastings nel Regno Unito

Gennaio 13, 2014
Will Noble

Notizie recenti

Neal's Yard, Londra

Non dieci anni fa, molti nel Regno Unito avrebbero deriso l'idea di versare l'olio d'oliva intorno al loro palato. Birra, vino, whisky e formaggio hanno a lungo ispirato papille gustative epicuree in Gran Bretagna. Ma allineare una selezione di dieci varietà di olio d'oliva spremuto sembrava una sessione di degustazione troppo lontana. L'olio, dopotutto, era per cucinare, non per consumarlo liscio. Tutto questo è cambiato. Grazie a una combinazione di spettacoli di cucina, Internet e alla crescente disponibilità di olio d'oliva di qualità, i britannici ora vogliono comprendere ed esprimere la magia dietro il prodotto.

Si potrebbe perdonare il Regno Unito per essere rallentato nel segno. Il clima di questa nazione insulare esposta non si presta alla coltivazione dell'olivo. È vero che i romani introdussero l'olio d'oliva ai britannici molti secoli fa, sebbene secondo Stuart Jeffries ne Il guardiano, "dimostrò di essere attraente per la popolazione locale quanto indossare toghe e sandali aperti. ”Storicamente, il burro veniva invariabilmente usato sul pane, mentre olio vegetale e lastre di lardo bianco venivano usati per cucinare. Il concetto di insaporire l'olio su insalate e pane avrebbe sollevato le sopracciglia.

Ci sono voluti fino all'inizio degli anni '1990 perché l'olio d'oliva avesse il suo primo impatto visibile sulle abitudini alimentari britanniche. Da quel momento si registra un aumento costante dei consumi; tra il 1990 e il 2009, la quota del Regno Unito del consumo mondiale di olio d'oliva è aumentata dall'1.9% al 2.9%, come gli chef famosi come Jamie Oliver, Nigella Lawson e Gordon Ramsey hanno ispirato il Regno Unito a scegliere l'olio d'oliva. Lo stesso vale per la proliferazione di punti vendita di prodotti olivicoli, fisici e online. Oggi, afferma The Food and Drink Innovation Network, il Regno Unito consuma 28 milioni di litri di olio d'oliva all'anno e metà delle famiglie del Regno Unito ora usa l'olio d'oliva.

Nonostante il costante aumento del consumo di olio d'oliva, gran parte di esso viene utilizzato per cucinare o per miscelare con altri ingredienti. Ma alcuni pionieri stanno insegnando agli inglesi come valutare un olio e apprezzarne le origini, le varietà, gli aromi e i sapori complessi. Judy Ridgeway ha scritto quattro libri sull'olio d'oliva, tra cui i migliori acquisti di olio d'oliva di Judy Ridgway nel mondo. Sempre entusiasta di diffondere la sua conoscenza dell'olio d'oliva, Ridgway conduce regolarmente sessioni di degustazione e apprezzamento a Londra e Brighton. Michael North, alias 'The Olive Oil Man 'è un altro sostenitore. Membri di North's Club dei membri stagionale dell'olio di oliva fresco gustare oli freschi, accuratamente selezionati dallo stesso North.

Gli scritti sulle degustazioni di olio d'oliva stanno diventando comuni anche nel Regno Unito. Pubblicazioni nazionali come Il guardiano e The Independent sono ansiosi di dire ai lettori del Regno Unito i dieci migliori oli di oliva, e 'Come capire se il tuo olio d'oliva è quello vero '. L'Olive World Almanac - contenente note di degustazione, descrizioni varietali di olive, ricette e altro - viene aggiornato ad ogni raccolto ed è diventato una sorta di bibbia per gli appassionati di olio del Regno Unito.

L'amante del cibo britannico di oggi ha molte meno probabilità di essere ingannato da un olio d'oliva inferiore di quanto non sarebbe stato meno di un decennio fa. E gli inglesi si sono espressi in particolare durante la protesta pubblica contro il divieto di breve durata dell'UE di brocche di olio d'oliva non contrassegnate sui tavoli dei ristoranti. Per la prima volta nella sua storia, il Regno Unito può affermare di avere una vera fiamma per l'olio d'oliva di qualità nella sua forma più pura.

Related News

Feedback / suggerimenti