Affari

Il Consiglio delle olive vuole che i membri si abbattano sugli oli aromatizzati all'olio d'oliva

Giu. 29, 2014
Di Julie Butler

Notizie recenti

Una campagna di promozione dell'olio d'oliva in Giappone e un'app che calcola il costo del carbonio per produrre olio d'oliva sono solo due degli elementi sul tavolo del Consiglio oleicolo internazionale per il prossimo anno.

Avanzamento di un sigillo che attesta la conformità al Standard IOC nei mercati d'importazione e anche uno strumento di autocontrollo per combattere l'adulterazione del petrolio sono all'orizzonte.

Queste erano tra le iniziative elencate dal CIO in una sintesi della riunione del suo Consiglio dei membri (consiglio) - l'organo decisionale del CIO - tenutosi dal 2 al 6 giugno presso la sede del CIO a Madrid.

I paesi del CIO hanno chiesto di "regolare meglio" gli oli di oliva aromatizzati

Sebbene non menzionato nella dichiarazione del CIO, l'incontro ha anche discusso l'argomento caldo della "legalità" degli aromi extra virgin oli di oliva e oli di oliva infusi, che sono particolarmente popolari in mercati come Stati Uniti, Regno Unito e Australia.

A maggio, il CIO Comitato consultivo per l'olio d'oliva e le olive da tavola votato, "dopo lunghe discussioni", per raccomandare al CIO di ricordare ai suoi membri i termini della norma commerciale del CIO, a cui devono aderire nel commercio internazionale e in base ai quali "extra virgin L'olio d'oliva è il succo dell'oliva e nient'altro ”e“ l'olio d'oliva è definito esclusivamente come la miscela di raffinato olio d'oliva e olio d'oliva vergine senza l'aggiunta di nessun altro prodotto. ”

pubblicità

La questione è stata ulteriormente discussa durante la riunione del consiglio, dove, secondo un portavoce del CIO, è stato deciso che "un promemoria sarà rilasciato dal CIO ai suoi paesi membri evidenziando l'importanza di conformarsi allo standard commerciale del CIO e incoraggiandoli ad adottare norme nazionali per regolamentare meglio il commercio di oli aromatizzati ".

Budget per la futura campagna di marketing giapponese

Nel suo riassunto della riunione del consiglio, il CIO ha affermato che il consiglio ha chiesto al segretariato esecutivo del CIO (responsabile della gestione quotidiana del CIO) di preparare un progetto di bilancio 2015 per le attività proposte, incluso il lancio di una campagna di promozione generica in Giappone, un corso internazionale per i leader dei panel di degustazione di olio d'oliva vergine e un programma di finanziamento delle sovvenzioni per promozione dell'olio d'oliva e assistenza tecnica nei paesi membri del CIO.

pubblicità

Cerimonia di premiazione Mario Solinas a New York il prossimo giugno

Il consiglio ha inoltre approvato due future edizioni del Premio Mario Solinas del CIO, "volte ad aumentare il numero di voci, in particolare dell'emisfero meridionale" e a tenere la cerimonia di premiazione durante il Summer Fancy Food Show a New York City il prossimo giugno.

pubblicità

Strumento, seminario sull'impronta di carbonio dell'olio d'oliva

Il CIO ha affermato che ai membri del consiglio è stata comunicata una guida programmata del CIO sulle buone pratiche relative all'equilibrio CO2 nel ciclo di vita dell'olio d'oliva e che il segretariato esecutivo del CIO intendeva sviluppare uno strumento software che "consentisse agli utenti di calcolare il CO2 emesso e catturato nel produzione di un litro di olio d'oliva. "

Il CIO è stato invitato dal Consiglio a iscriversi a un seminario internazionale sull'impronta di carbonio dell'olio d'oliva.

Misure di controllo della qualità

Il consiglio ha anche incaricato il segretariato esecutivo del CIO di "continuare a lavorare con le associazioni su un progetto di accordo di autocontrollo progettato come strumento per combattere l'adulterazione del petrolio e un altro accordo per promuovere un sigillo che certifichi la conformità con lo standard IOC nei mercati di importazione".

Propagazione delle olive e risorse genetiche

Il CIO ha affermato che i membri del consiglio hanno anche ascoltato relazioni sullo stato di avanzamento di vari progetti già in corso, tra cui:

pubblicità

- gestione dell'irrigazione (IRRIGOLIVO),

- conservazione delle risorse genetiche (RESGEN), e

- le collezioni mondiali di olive a Marrakech (Marocco), Smirne (Turchia) e Cordova (Spagna).

È stato anche detto loro che il segretariato esecutivo del CIO avrebbe organizzato due seminari in ottobre, uno a Marrakech per segnare la fine del progetto IRRIGAOLIVO e un altro a Tunisi sulle risorse genetiche di olive e i risultati preliminari di un progetto di vivaio di olive. "L'idea è quella di tenere un corso internazionale sulle tecniche di propagazione delle piante", ha anche affermato il CIO.

Il consiglio ha approvato un secondo invito a presentare candidature per sovvenzioni per assistenza tecnica e attività di estensione e attività per la promozione dell'olio d'oliva e delle olive da tavola. (I dettagli della chiamata sono disponibili su: http://www.internationaloliveoil.org/estaticos/view/413-grants.)