`Il consumo esclusivo di olio d'oliva protegge dalla malattia coronarica - Olive Oil Times

Il consumo esclusivo di olio d'oliva protegge dalla coronaropatia

Febbraio 16, 2016
Jedha Dening

Notizie recenti

La malattia coronarica (CAD) è il restringimento delle arterie coronarie e spesso porta ad angina, infarto miocardico e insufficienza cardiaca.

Durante l'iniziativa Dieta mediterranea e il consumo di olio d'oliva di una media di due cucchiai al giorno è stato attribuito agli studi con effetti benefici per malattia cardiovascolare. Ora più specificamente, gli studi stanno mostrando alcuni risultati promettenti per un effetto protettivo contro la CAD.

Uno studio pubblicato in Public Health Nutrition ha rivelato che anche dopo aver tenuto conto dell'adesione alla dieta mediterranea, "il consumo esclusivo di olio d'oliva era associato a una probabilità inferiore del 37% di sviluppare una malattia coronarica ".

Uno studio caso-controllato condotto tra il 2006 e il 2010, The Hellenic study of Interactions between Single Nucleotide Polymorphisms and Eating in Atherosclerosis Susceptibility (THISEAS), ha arruolato 1,221 partecipanti con malattia coronarica e 1,344 controlli.

L'American Botanical Council ha riferito sullo studio THISEAS, affermando che, "I pazienti del caso avevano sindrome coronarica acuta o CAD con stenosi> 50% in almeno 1 dei principali vasi sanguigni coronarici. " Il punteggio MedDiet è stato utilizzato per valutare l'aderenza alla dieta mediterranea e consumo di olio d'oliva, con questionari aggiuntivi che riportano il consumo di grassi.

Si pensava che la probabilità del 37% in meno di sviluppare CAD con consumo esclusivo di olio d'oliva fosse "mediato da cambiamenti in lo stress ossidativo, infiammazione, perossidazione lipidica e profilo lipidico ", ha affermato il Consiglio. 

Un altro studio pubblicato sul Journal of Human Nutrition and Dietetics, lo studio osservazionale della GRECIA, ha supportato i risultati dello studio THISEAS, dimostrando che l'uso esclusivo di olio d'oliva, usato come condimento per insalata o in cucina, aiuta a ridurre l'incidenza della sindrome coronarica acuta (SCA) ed episodi cardiaci ricorrenti in pazienti cardiopatici.

Lo studio ha inizialmente reclutato 2,172 partecipanti con SCA, infarto miocardico acuto o angina instabile e successivamente ha eseguito un follow-up di 10 anni in 1,918 pazienti. Sono stati registrati i componenti dietetici, compresa l'assunzione di grassi aggiunti di olio d'oliva, burro, margarina e oli di semi. È stato inoltre registrato l'uso dei grassi nella cucina quotidiana e nella preparazione dei cibi. Il settantasei percento del gruppo consumava esclusivamente olio d'oliva, mentre il restante 24 percento consumava altri grassi aggiunti.

Secondo gli autori dello studio, "Gli endpoint studiati nel follow-up a 10 anni erano eventi ACS fatali o non fatali ricorrenti ".

Coloro che consumavano altri grassi aggiunti avevano un rischio maggiore del 40% di eventi ACS ricorrenti durante il periodo di follow-up. E, anche se il punteggio MedDiet era lo stesso per entrambi i gruppi, quelli con infarto miocardico acuto erano solo del 58% nel gruppo dell'olio d'oliva esclusivo rispetto al 71% nell'altro gruppo di grassi aggiunti.

Tuttavia, questo risultato è rimasto significativo solo nei pazienti obesi. Gli autori suggeriscono che l'olio d'oliva può ridurre l'infiammazione di basso grado che è ben nota per essere associata all'obesità. Considerando che gli altri grassi aggiunti "attivare i meccanismi coinvolti nella comparsa di trombosi, infiammazione e ossidazione. "

Come la maggior parte degli studi, c'erano alcune limitazioni, tra cui il fare affidamento su un'ipotesi dei meccanismi attraverso i quali vengono esercitati gli effetti positivi, la mancanza di misurazione del livello di danno miocardico, la quantità esatta di assunzione di grassi non registrata e il fatto che l'assunzione alimentare è stato preso solo al basale, quindi non sono stati presi in considerazione potenziali cambiamenti dietetici nel tempo.

Sono ancora necessarie ulteriori ricerche in questo settore, ma i risultati di entrambi gli studi combinati sono promettenti, dimostrando che il consumo regolare di olio d'oliva ha un effetto protettivo contro la malattia coronarica.


Related News

Feedback / suggerimenti