`Gli esperti riuniscono le competenze nella lotta contro gli oli d'oliva falsi - Olive Oil Times

Scienziati esperti nella lotta contro gli oli di oliva finti

Ottobre 4, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

world-scientist-pool-expertise-in-fight-against-fake-olive-oil-oil-times-scientist-pool-expertise-in-fight-on-fake-olive-oilEsperti di tutto il mondo hanno partecipato al seminario sull'autenticazione dell'olio d'oliva. Vedi l'elenco dei partecipanti qui.

Più di venti esperti mondiali sulla verifica dell'olio d'oliva si sono incontrati all'inizio di quest'anno e un recente riepilogo del loro brainstorming fornisce un aggiornamento illuminante sulle frodi sull'olio d'oliva e sulle possibili soluzioni.

Facile da adulterare pur rimanendo all'interno dello standard europeo dell'olio d'oliva.- Christian Gertz

Che ci sia un problema non era in discussione. I dati pubblicati al seminario sull'autenticazione dell'olio d'oliva, tenutosi a Madrid dal 10 all'11 giugno, mostrano che uno su quattro oli d'oliva campionati in Spagna, e quasi uno su tre in Canada, ha fallito i recenti test ufficiali di frode.

Una newsletter sul seminario - pubblicata questa settimana da host congiunti della Commissione europea e del Consiglio oleicolo internazionale (CIO) - afferma all'inizio che non sono ancora state trovate soluzioni per tre problemi in particolare: la miscelazione di olio extra vergine di oliva o vergine olio di oliva con olio di oliva deodorato morbido o con altri oli adulteranti e valutazione dei parametri di qualità relativi alla freschezza.

Conoscenza scientifica di chimica dell'olio d'oliva e tecnologia "è in ritardo rispetto all'inventiva di alcuni operatori ", afferma.

E in un separato documento con le presentazioni del seminario, Christian Gertz, della Società tedesca per la scienza dei grassi (DGF), ha affermato che lo è attualmente "facile "adulterare con oli di oliva di bassa qualità o oli estranei pur rimanendo entro i limiti di proprietà fisica e chimica della norma europea sull'olio di oliva.

Possibili soluzioni: spettroscopia (NIR) e marker del DNA

Il seminario ha valutato i metodi attuali per il monitoraggio dell'autenticità dell'olio d'oliva e le alternative che potrebbero aiutare a soddisfare la necessità di test "più veloce, più economico, più robusto e accettato in tutto il mondo. "

Tra le molte opzioni all'avanguardia discusse c'era la spettroscopia nel vicino infrarosso (NIR), a "metodo rapido, facile ed economico "che Gertz aveva previsto sarebbe diventato, "uno strumento analitico dominante per la sicurezza alimentare di routine e in tempo reale e controlli di qualità. "

È stata anche discussa l'attrattiva dei metodi basati sul DNA, in particolare per quanto riguarda la rilevazione dell'adulterazione dell'olio di oliva vergine con altri oli vegetali e anche il potenziale per un "carta d'identità "per oli d'oliva premium.

"La sequenza completa del genoma dell'olivo che sarà presto disponibile fornirà informazioni genomiche per lo sviluppo di marcatori del DNA più efficienti ", ha affermato la newsletter.

Pigmenti e altri possibili parametri

Rodney Mailer dell'Australian Oils Research ha detto al workshop che due nuovi metodi di rilevazione delle frodi, i DAG (diacilgliceroli) e i PPP (che misurano il degrado del pigmento clorofilloso dell'olio d'oliva in pirofeofitina), hanno mostrato notevoli promesse nel determinare oli vecchi, sono stati scarsamente conservati o possibilmente raffinato. Alcune organizzazioni hanno resistito alle indagini su questi metodi "nonostante le prove ", ha detto.

Ma Lanfranco Conte, dell'Università di Udine, discutendo delle sfide legate all'individuazione dell'adulterazione con oli di oliva deodorati morbidi, ha affermato che i DAG e i PPP presentavano limitazioni in questo settore poiché entrambi sono fortemente influenzati dai tempi e dalle condizioni di conservazione.

Tuttavia, riassumendo le opinioni degli esperti durante le successive discussioni sulla ricerca sui pigmenti dell'olio d'oliva - principalmente clorofilla e carotenoidi - la newsletter affermava che, nonostante la loro sensibilità alla luce, alla temperatura o all'invecchiamento dell'olio, questi avevano vari punti di forza che dovrebbero essere presi in considerazione.

"I partecipanti hanno evidenziato la necessità di materiali di riferimento per la clorofilla a e β-carotene e del supporto del CIO e del JRC (Centro comune di ricerca della Commissione europea) per coordinare i ring test per la convalida dei metodi. Gli obiettivi potrebbero essere raggiunti in un periodo di ricerca di quasi tre anni. . "

world-scientist-pool-expertise-in-fight-against-fake-olive-oil-oil-times-scientist-pool-expertise-in-fight-on-fake-olive-oil

Completando il panel test

I test chimici non informano l'aroma o il gusto, quindi la necessità del panel test, ma l'officina ha sentito che il costante aumento del consumo di olio d'oliva richiede un numero maggiore di panel sensoriali ben addestrati, "che sono costosi da mantenere. "

Nuovi dispositivi (come naso e lingue elettronici) e metodi analitici (come lo spazio dinamico della testa e l'analisi di micro estrazione in fase solida) in grado di utilizzare gli stessi composti - volatili - che i sensori umani potrebbero "ridurre il lavoro dei pannelli sensoriali ”.

Sfide e raccomandazioni

I partecipanti al seminario hanno inoltre identificato vari ostacoli ai progressi nella lotta contro i finti oli di oliva. Questi includono una scarsa conoscenza dei processi di deodorizzazione utilizzati nell'industria e la mancanza di accesso a campioni rappresentativi di olio d'oliva deodorato morbido, come per aiutare a formare i pannelli sensoriali.

Tra le altre misure, hanno suggerito la creazione di un impianto industriale per produrre una gamma di campioni di oli deodorati morbidi.

Per quanto riguarda gli standard attuali, i partecipanti hanno detto "I limiti esistenti per gli FFA (acidi grassi liberi) e gli UV (ultravioletti) dovrebbero essere ridotti e dovrebbero essere calcolate le quantità totali di eritrodiolo e uvaolo invece di una percentuale degli steroli totali ”, afferma anche la newsletter.

Risultati ufficiali dei test antifrode in Spagna

Juan Ramón Izquierdo, del comitato di degustazione di olio d'oliva del Ministero spagnolo dell'agricoltura, dell'alimentazione e dell'ambiente, e Angela Sheridan, dell'agenzia canadese per i prodotti alimentari e le ispezioni, hanno condiviso i risultati dei test di verifica dell'olio d'oliva nei rispettivi paesi.

Ci sono state 770 ispezioni in Spagna nel 2012 e un tasso di non conformità del 23%, secondo Izquierdo, che ha affermato che quasi la metà delle violazioni degli standard applicabili riguardava la qualità e la purezza.

"Quelli per quanto riguarda la qualità sono sostanzialmente correlati alla qualità organolettica degli oli di oliva vergini. Fondamentalmente consistono nel confezionare oli di qualità inferiore come oli extra vergini. ”Ma lampante sono stati trovati anche oli, ha detto.

Quasi un terzo delle violazioni riguardava l'etichettatura dei prodotti, il quattro per cento alla tracciabilità e il resto riguardava altre violazioni.

Per quanto riguarda le violazioni dell'etichettatura, queste sono dovute principalmente all'uso improprio delle definizioni giuridiche contenute nel regolamento UE 29/2012 sulle norme di commercializzazione dell'olio d'oliva, in particolare la necessità di includere nei prodotti del "olio d'oliva "la frase frase: "olio contenente esclusivamente oli di oliva sottoposti a raffinazione e oli ottenuti direttamente dalle olive ".

Secondo Izquierdo, questa frase "non viene utilizzato dall'imballatore in molte occasioni. "

Ha detto che mentre i metodi richiesti dalle attuali normative UE sono sufficienti per rilevare le frodi più comuni nella purezza dell'olio d'oliva, ci sono "altri tipi di frode, compreso l'uso di oli deodorati, per i quali l'attuale metodologia sembra essere insufficiente. "

Canada: adulterazione di nuovo in aumento

Nel frattempo, quasi un terzo di tutti i campioni di olio d'oliva testati nel 2012/13 dalla Canadian Food and Inspection Agency è stato giudicato insoddisfacente. Quelli giudicati insoddisfacenti hanno un'elevata certezza di adulterazione, secondo la presentazione del seminario di Sheridan.

Gli adulteranti comuni trovati erano olio vegetale (olio di colza, girasole e soia), olio di oliva raffinato e olio di sansa di oliva.

Quasi la metà di tutti i campioni testati in 2006 / 07 è stata giudicata insoddisfacente. La percentuale di campioni non conformi è poi rimasta stabile, raggiungendo il 11 percento in 2009 / 10, ma è salita a poco più del 30 percento in 2010 / 11 e di nuovo in 2012 / 13.

Da 2007 sono state emesse multe per $ 250,000 (US $ 242,000) e il petrolio del valore di $ 500,000 (US $ 485,000) è stato distrutto.

Progetto di ricerca Horizon 2020 pianificato

Le aree prioritarie identificate nel workshop vengono ora utilizzate per preparare un bando per un progetto di ricerca sull'autenticazione dell'olio d'oliva che sarà incluso nel programma di ricerca Horizon 2020 dell'Unione europea che dovrebbe essere lanciato entro la fine del 2013 / inizio 2014.

Accedi alle presentazioni del workshop, ai poster, all'elenco dei partecipanti e alla newsletter qui.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti