` Gli Stati Uniti lanciano attacchi coordinati sulle roccaforti dell'olio d'oliva dell'UE da Washington e Sacramento - Olive Oil Times

Gli Stati Uniti lanciano scioperi coordinati sulle roccaforti dell'Unione europea per l'olio d'oliva da Washington e Sacramento

Settembre 25, 2013
Curtis Cord

Notizie recenti

opinione-aziendale-noi-lancia-scioperi-coordinati-contro-ue-roccaforti-dell'olio-d'oliva-da-washington-e-sacramento-olive-oil-times-us-lancia-scioperi-coordinati-sull'-e-oliva- roccaforti-petrolifere-di-washington-e-sacramento
Il senatore dello stato della California Lois Wolk e il presidente della commissione House Ways and Means Dave Camp

Potrebbe non essere stata l'offensiva che molti si aspettavano nelle ultime settimane, anche se è stata attentamente presa di mira.

Innanzitutto, c'era il rilascio di una relazione su un'indagine della durata di un anno della Commissione per il commercio internazionale degli Stati Uniti che, secondo alcuni esperti, fornirà ampi motivi per azioni commerciali e reclami formali dell'OMC contro gli oli d'oliva dell'UE importati negli Stati Uniti

E ieri, in California ha approvato una legge creare la propria commissione per l'olio d'oliva per condurre ricerche, raccomandare standard, organizzare gli sforzi per acquisire quote di mercato e altrimenti fare guerra alle importazioni di bassa qualità.

La vicinanza dei due eventi potrebbe sembrare casuale, ma sono il risultato di un assalto organizzato da un gruppo di produttori e stakeholder americani ora noti come American Olive Oil Producers Association (AOOPA) e dei loro alleati australiani.

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

Le loro radici risalgono a a Dixon, California, incontro dove i coltivatori redatto e discusso a ordine di marketing interno con l'obiettivo finale di mantenere le importazioni a standard più elevati.

Quindi, i rappresentanti della California e della Georgia hanno avuto successo nel fare pressioni sul potente House Ways and Means Committee per richiedere un'indagine USITC sul "condizioni di concorrenza ”affrontate dalla neonata industria americana dell'olio d'oliva.

Il dicembre, 2012 udito all'USITC di Washington è stato un tale ammasso che il Commissario Shara L. Aranoff, un democratico del Maryland nominato da George W. Bush, ha detto cupamente: "Ho un po 'paura che i miei figli scoprano cosa li ho nutriti in tutti questi anni ".

All'udienza, Alexander Ott, allora direttore esecutivo del nuovo AOOPA, ha trascorso gran parte della sua assegnazione di cinque minuti - e più tempo durante l'interrogatorio diretto - sottolineando il inesistenza di qualsiasi ordine di marketing per l'olio d'oliva: "Non esiste un ordine di marketing ”, ha sottolineato Ott ripetutamente nel corso della giornata, aggiungendo "l'isteria su un potenziale ordine di marketing federale è piuttosto divertente. " (Ott non è più dell'associazione)

Il mistico ordine di marketing, tuttavia, ha trovato una via per il Fattura agricola degli Stati Uniti. I produttori della California hanno spinto per una disposizione che avrebbe richiesto che gli oli importati fossero soggetti a restrizioni come il test del gusto quando viene stabilito un ordine di commercializzazione per l'olio d'oliva. Il California Olive Oil Council ha chiamato la fornitura di olio d'oliva parte di "un programma di buon senso che richiede che le importazioni siano mantenute agli stessi standard dell'olio d'oliva americano ".

Più o meno nello stesso periodo, Lois Wolk - il Davis, senatore dello stato della California e un partecipante di Dixon - era tenere un'udienza tutto suo a Sacramento davanti a una sala gremita e un pubblico di centinaia di persone che hanno guardato in diretta tramite un webcast. Wolk è appena formato "Sottocommissione del Senato statale sull'olio d'oliva e sui prodotti emergenti "ha ascoltato una processione di testimoni che hanno presentato i loro resoconti delle sfide affrontate dai produttori di olio d'oliva dello stato che hanno affrontato, hanno detto, la concorrenza sleale di produttori e importatori europei senza scrupoli che non rispettano le regole .

Wolk ha continuato a raccogliere il sostegno bipartisan per il conto firmato ieri che ha sanzionato la formazione della commissione statale che utilizzerà valutazioni annuali, raccolte da produttori che guadagnano oltre 5,000 galloni all'anno, per "migliorare la competitività del settore all'interno del mercato statale, nazionale e internazionale ".

Ma i grandi cannoni sono a Washington, e si prevede che i legislatori non lascino sprecare il milione stimato di $ 2 di contribuenti spesi per il rapporto USITC. Tali rapporti spesso comportano reclami formali e azioni commerciali comprese tariffe più elevate e restrizioni all'importazione.

"Non penso che nessuno possa negare che siano state un paio di settimane piuttosto brutte per gli importatori americani e i loro partner europei ", ha detto un broker di olio d'oliva che desiderava non essere nominato.

Non sorprende che il Consiglio oleicolo internazionale abbia avuto poco da dire sull'ultima offensiva, tranne per riconoscere l'impressionante sforzo compiuto nel rapporto USITC e per sostenere che alcune delle informazioni in esso contenute erano discutibili, sebbene non dicesse quali.

Nessuno mette in dubbio uno dei risultati degli investigatori: che gli Stati Uniti non hanno in programma di aderire al CIO di Madrid, citando funzionari governativi che hanno confermato una politica sempre più isolazionista nei confronti di "Appartenenza degli Stati Uniti a organizzazioni internazionali di merci ".

Come un Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite paralizzato da un veto russo, il Consiglio oleicolo internazionale approvato dalle Nazioni Unite è visto dalle agenzie americane come improbabile che favorisca gli interessi degli Stati Uniti, con i soli cinque "quote di partecipazione "avrebbe, rispetto ai 684 dell'Europa.

Gli americani non dovranno andare da soli questa volta, comunque. Produttori australiani e il loro leader impavido, Paul Miller, hanno condotto una campagna sostenuta che è riuscita a respingere le importazioni utilizzando una nuova serie di standard di qualità e PR convenzionali. Importazioni in Australia è sceso del sette percento l'anno scorso. Un tale calo delle importazioni di olio d'oliva americano ammonterebbe a 22,000 tonnellate - o quasi tre volte quello che producono gli Stati Uniti - portando un significato completamente nuovo al "Land of Oz. "

Hai un'opinione che vorresti condividere in un articolo? Vedi il nostro modulo di presentazione e linee guida qui.

Related News

Feedback / suggerimenti