I produttori di olio d'oliva in Grecia, alla disperata ricerca di flussi di cassa, stanno vendendo a prezzi allarmanti.

A Creta, i prezzi all'ingrosso di EVOO di qualità premium con meno di 0.3 sono scesi a un minimo di € 2.60 ($ 3.16) al chilo. Gli olivicoltori alla disperata ricerca di flussi di cassa stanno vendendo a prezzi allarmanti. I media greci accusano gli acquirenti italiani di non offrire prezzi più alti. Incolpano anche i frantoi cretesi per non averlo immagazzinato e aspettando prezzi più alti. Alcuni addirittura accusano gli olivicoltori di raccogliere troppo rapidamente e creano un eccesso di offerta temporaneo.

Perché i frantoi sono così veloci da scaricare l'EVO di altissima qualità ai prezzi più bassi di Creta? Molti sono profondamente indebitati e hanno bisogno di vendere per continuare a operare. Le banche non prestano o estendono credito a tassi d'interesse o termini ragionevoli, così tanti sono costretti a vendere ora. I prezzi in altre province della Grecia stanno a malapena da € 3.00 a € 3.20.

Il calo al di sotto di € 3.00 a Creta è motivo di preoccupazione anche per altre zone produttrici di olio d'oliva in Grecia. Non vogliono vedere una tendenza al ribasso attraverso la Grecia. Alcuni frantoi intraprendenti e ben finanziati, tuttavia, approfittano dei prezzi bassi, acquistando e tenendo il magazzino con l'obiettivo di vendere a prezzi più alti nel nuovo anno.

Un'industria in crisi

Uno sguardo al demand for new barcodes with the Greek prefix per 2014, che può essere visto come un indicatore dello sviluppo di nuovi prodotti, mostra che c'è stato un aumento della domanda in tutti i settori in media del 50%. L'unico settore in cui la domanda di nuovi codici a barre è diminuita - di 40 per cento - è stata l'industria dell'olio d'oliva. Al contrario, l'industria alimentare e delle bevande ha visto un aumento del 68 percentuale per lo stesso periodo.

Questa è un'altra forte indicazione che la Grecia non è riuscita a sviluppare l'industria dell'olio d'oliva - una che si basa sulle caratteristiche uniche del gusto, sui benefici per la salute e sulla ricca storia dell'olio d'oliva greco. Questo fallimento è uno degli aspetti più sconvolgenti della crisi economica odierna.

Spara al Messaggero

Il mio ultimo articolo sul fears of how low prices may effect the quality di olio d'oliva che i greci consumeranno quest'anno ha arruffato alcune piume. Alcuni si sono lamentati che le compagnie petrolifere avrebbero perso denaro direttamente come risultato di un esame aperto del problema. Un greco website hanno affermato di aver ricevuto telefonate e reclami. Questo è il tipo di iperbole che rispecchia lo stato dell'industria olearia in Grecia oggi.

Il fatto è che la percentuale 70-80 del nostro EVOO di alta qualità esportato viene venduta ai prezzi più bassi per gli italiani e altri acquirenti stranieri alla rinfusa. La domanda che il governo greco, le compagnie petrolifere e i blogger devono rispondere è: perché i prezzi scendono durante un periodo di offerta limitata? Non siamo soli in questa corsa verso il fondo del pool di prezzi. C'è un altro paese che sta lottando per aggiungere valore mentre vende il suo oro liquido sfuso a prezzi più bassi: la Tunisia

Le aziende italiane e spagnole di olio d'oliva sono fiorenti

Al contrario, le aziende italiane produttrici di olio d'oliva che hanno dovuto confrontarsi con alcuni autentici stimmi per la loro reputazione sono fiorenti. Le compagnie di olio d'oliva italiane oneste e operose sono riuscite a prosperare nonostante lo stigma di adulterazione nel passato e persino nel presente. Hanno avuto così tanto successo che sono costretti a comprare all'Egitto greco o tunisino alla rinfusa per riempire i loro ordini. I produttori in Spagna sono tornati dalle avversità e stanno prosperando. Cosa c'è di sbagliato nell'industria olearia greca?

Le lotte intestine sono il vero stigma della Grecia

A livello internazionale, la Grecia è riconosciuta come la culla della civiltà moderna con l'ulivo come suo simbolo eterno. È la patria di alcuni dei migliori EVOO del pianeta, ma non è riuscito a prendere il posto che gli spetta in cima alla classifica del marketing e delle vendite di olio d'oliva. Le lotte intestine e la cattiva gestione regionali, insieme alla costante ricerca di capri espiatori da incolpare per i fallimenti, sono il vero stigma che sta diventando sempre più difficile da superare. Attaccare coloro che sostengono gli olivicoltori greci nella loro lotta non assolverà nessuno delle loro responsabilità. I passi da compiere non sono difficili da comprendere, ma richiedono sacrificio di sé e un approccio più proattivo.

Gloria passata ellenica

La nostra antica cultura ellenica è l'ultima campagna per le olive e l'olio d'oliva, come l'incoronazione di un atleta olimpico vittorioso con una corona fatta con ramoscelli di ulivo selvatico. I moderni politici greci e i loro amici dell'industria olearia hanno preso questa eredità di grandezza e la stanno svendendo alla rinfusa. Devono mostrare una vera leadership e usare il loro potere e influenza per organizzare e sollevare il settore dell'olio d'oliva in Grecia e non solo i loro ristretti interessi individuali o regionali. Troppe volte la nostra antica cultura ellenica viene utilizzata nelle loro campagne di marketing ma non nelle loro azioni. Si vantano della nostra passata cultura ellenica, ma quelli in posizioni di potere non riescono ad esemplificarlo.

Esiste un'antica massima ellenica tratta da uno dei racconti di Esopo "L'esuberante atleta". Nella fiaba, un atleta orgoglioso afferma che in passato ha ottenuto un salto in lungo da record nell'isola di Rodi. Uno spettatore lo sfida a fare a meno della vanto e semplicemente a ripetere il suo salto da record sul posto: "Ecco Rodi, vediamo di vederti saltare qui!" (Ιδού η ρόδος, ιδού και το πήδημα!)

Nuovi modi per aggiungere valore all'olio di oliva greco

Più recentemente, gli scienziati greci hanno inventato un metodo per misurare con precisione i singoli composti fenolici in EVOO usando Nuclear Magnetic Resonance (NMR). Sono stati in grado di utilizzare il nuovo strumento per dimostrare perché medici antichi come Ippocrate e Dioscourides hanno conferito all'olio d'oliva alcuni benefici per la salute molto specifici derivanti dal varietale, dal metodo di coltivazione e dal tempo di raccolta.

Il segreto dell'olio d'oliva è nel tipo e nella quantità di specifici polifenoli che contiene. Un certo numero di frantoi piccoli, creativi e indipendenti in Grecia hanno adattato i loro metodi e utilizzato misure di RMN in modo efficace per promuovere il loro EVOO a prezzi molto più alti. Negli ultimi due anni, Olive Oil Times ha dedicato molto spazio alla comunicazione di questo nuovo metodo di misurazione della salubrità dell'olio d'oliva. Il governo greco e le grandi compagnie petrolifere tuttavia, lo hanno semplicemente ignorato o cercato di soffocarlo.

Opportunità sprecate

Se il governo greco e le grandi compagnie petrolifere avessero sostenuto NMR due anni fa, il Consiglio oleicolo internazionale (CIO) e l'UE l'avrebbero già accettato come metodo ufficiale di misurazione. L'ironia è che recentemente il CIO requested submissions for new methods di misurare singoli polifenoli - come se il metodo NMR non fosse mai esistito. Le autorità greche e le compagnie petrolifere hanno perso due anni.

L'invenzione della NMR e la sua convalida da parte del CIO avrebbero potuto essere utilizzate in una campagna di marketing globale da parte dell'industria petrolifera greca per affermare la storia d'amore dei nostri antenati ellenici con i benefici per la salute dell'olio d'oliva. Le lotte intestine e la mancanza di visione e creatività hanno afflitto l'industria olearia greca e sono la vera causa del suo fallimento.


Altri articoli su: , , ,