` Trovare dove un produttore umbro lascia l'impronta più grande - Olive Oil Times

Trovare dove un produttore umbro lascia la più grande impronta

Ottobre 17, 2014
Sukhsatej Batra

Notizie recenti

Foto di file OOT

Il trasporto al consumatore finale è stato il principale contributore di gas serra e ha consumato la maggior parte dell'energia in un caso studio sulla catena di produzione e fornitura di olio extravergine di oliva. I ricercatori del CRB Biomass Research Center di Perugia, Italia, hanno riportato questi risultati dopo aver valutato il "culla del grave impatto ”della produzione olearia in Umbria.

Per il loro studio, che è stato pubblicato sulla rivista Scienza per l'ambiente totale, i ricercatori hanno seguito un approccio sistematico per valutare l'impatto ambientale della produzione e distribuzione di EVOO. La valutazione del ciclo di vita è iniziata con coltivazione di ulivi nella regione Umbria, Italia, estrazione e stoccaggio di olio extra vergine di oliva; imballaggio e distribuzione al cliente finale; e smaltimento delle bottiglie vuote dopo il consumo.

Mentre i ricercatori hanno ipotizzato che il mulino che hanno analizzato fosse "rappresentativo di piante agricole di piccole e medie dimensioni ", c'erano tre pratiche tra le varie fasi della produzione che non sarebbero state considerate standard per molti produttori: il produttore che ha studiato ha mantenuto gli oli conservati congelati, ha imbottigliato l'EVO in fiale di vetro monodose da 10 ml, e spedito i prodotti per via aerea.

"La nostra analisi dell'impronta di carbonio si riferiva a uno specifico caso di studio del produttore di EVOO ", ha affermato Elisa Lasscaro, autrice dello studio, "e considerato i dati primari in base alla catena di produzione di quella società "

I ricercatori hanno scoperto che la fertilizzazione degli ulivi con grandi quantità di fertilizzanti azotati e l'uso di attrezzature agricole per la raccolta delle olive ha contribuito notevolmente alla produzione di gas a effetto serra e al consumo di energia nella fase iniziale della produzione di EVOO.

Elisa Lascaro, Centro di ricerca sulle biomasse del Dipartimento di Ingegneria dell'Università di Perugia

Durante la seconda fase, i ricercatori hanno scoperto che l'elettricità utilizzata per la produzione di bottiglie di vetro imballaggio olio d'oliva e il carburante utilizzato per trasportare le bottiglie al mulino aggiunto all'emissione di gas serra e all'uso di energia nella terza fase della produzione di EVOO.

L'elettricità per il congelamento dell'olio extra vergine di oliva e la perdita di refrigerante durante il congelamento sono state le due fasi che hanno prodotto notevoli quantità di gas a effetto serra e hanno consumato notevoli quantità di energia.

I ricercatori hanno detto che il congelamento del petrolio destinato ai mercati esteri stava guadagnando popolarità dopo un altro studio trovato L'olio extravergine di oliva che era stato congelato prima del trasporto ha conservato più dei suoi fenoli e delle qualità organolettiche per tutta la sua durata di conservazione, rispetto all'olio non congelato.

Nella fase finale, il trasporto di EVOO dall'Italia al consumatore finale negli Stati Uniti per via aerea, ha prodotto la maggior parte dei gas serra. Le impronte di carbonio ed energia erano sostanzialmente più elevate rispetto a quando si spediva EVOO in Giappone via mare o su strada verso altri paesi europei.

L'EPA afferma che l'aumento della produzione di gas a effetto serra - anidride carbonica, metano, protossido di azoto e gas fluorurati - iniziata con la rivoluzione industriale degli 1700, è la principale causa del cambiamento climatico. L'impatto dei cambiamenti climatici è diffuso e ha provocato il riscaldamento globale, aumentato il verificarsi di catastrofi naturali e fatto sciogliere i ghiacciai a tassi allarmanti.

Il cambiamento climatico influisce anche sulla salute umana in diversi modi. È noto per aumentare il rischio di malattie respiratorie a causa della scarsa qualità dell'aria e causare morti inaspettate per malattie cardiovascolari e respiratorie negli anziani a causa del caldo estremo. Se lasciato incontrollato, il cambiamento climatico potrebbe persino alterare i modelli di malattie infettive come la malaria e la dengue, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità.

Sebbene vi sia consapevolezza globale degli effetti scoraggianti del cambiamento climatico e molti settori si stanno impegnando per ridurre la produzione di gas a effetto serra, ad aprile 2014 la FAO ha riferito che le emissioni di gas a effetto serra da fonti agricole sono aumentate del 14 da 2001 a 2011.

Ridurre l'impronta di carbonio e l'impronta energetica del industria dell'olio d'oliva, gli autori suggeriscono di spedire olio extra vergine di oliva negli Stati Uniti in navi container anziché per via aerea. Altre misure che possono aiutare a ridurre la produzione di gas a effetto serra da parte dell'industria petrolifera sono l'uso di biodiesel ricavato da oli vegetali esausti per la gestione di macchine agricole per la raccolta e il trasporto di olive dalle aziende agricole ai frantoi.

Riduzione del peso delle bottiglie di vetro utilizzate per l'imballaggio olio extravergine d'oliva ridurrebbe la quantità di elettricità utilizzata e ridurrebbe anche la produzione di gas a effetto serra. Mentre l'uso dell'elettricità per il congelamento e il mantenimento della freschezza di EVOO potrebbe essere utile, la sostituzione dell'agente di raffreddamento del refrigerante R407A con agenti a basso impatto potrebbe essere un altro passo verso la riduzione dell'impronta di carbonio ed energia nel ciclo di vita della produzione e distribuzione di EVOO.


Related News

Feedback / suggerimenti